Altrove

Nell’ennesima ripetizione dell’agosto

m’incanto ad osservare le stesse persone

che di anno in anno

ripetono i vacanzieri rituali

che in nulla si distanziano dalle costanti abitudini

della città.

Semplicemente

il recinto è diverso

ma siamo sempre in uno zoo

con gabbie recintate

numero di cucchiani fissato dal regolamento

del crudele direttore del campeggio-carcere

che si trasforma nelle stagioni

si riempie e si svuota

come un organismo malato

e non permette trasgressioni a se stesso.

Ospiti, lavoratori e animatori alternano gesti sempre uguali

nella certezza che continuare tale movimento sia chiamato vita.

Ma se vedi oltre ti accorgi che dentro ognuno c’è qualcos’altro

a volte è poco

ma c’è un pensiero ad un altrove

che non sia solo guardare e desiderare di comprare ancora.

Annunci

About poesieinformadidiario

Mi piace: cinema, musica, vino, cibo, leggere, scrivere, dipingere, fare sport, dormire, amare, parlare, respirare, osservare, curiosare, fantasticare, sonnecchiare, discutere, studiare, rotolare nella sabbia, nuotare, vagare, visitare, ridere, …
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, poesia, poesieinformadidiario e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...