Forte di complicati calcoli

che richiedevano cognizioni varie

era alla ricerca del mezzo migliore

per spostarsi da A a B

Ma non fu la fisica né la biologia

a fargli scegliere la bicicletta

bensì la libertà

Piantava una bici in ogni città che attraversava

e le univa con la ferrovia

Distanze venivano percorse in poco tempo

e non c’era traffico né meteo a fermarlo

Ne ebbe tante

e ad ognuna rimase legato con un ricordo

con una sensazione

ricco di quella ricchezza

che il denaro non poteva acquistare

– Si può conoscere un luogo attraversandolo a cento all’ora?

pedalava e no, si rispondeva, è questa la mia velocità

Fu così che si mise ad osservare

sentire il vento sul viso

e non arrivò più tardi agli appuntamenti

 

Annunci

About poesieinformadidiario

Mi piace: cinema, musica, vino, cibo, leggere, scrivere, dipingere, fare sport, dormire, amare, parlare, respirare, osservare, curiosare, fantasticare, sonnecchiare, discutere, studiare, rotolare nella sabbia, nuotare, vagare, visitare, ridere, …
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesieinformadidiario e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 Responses to

  1. Insenseofyou ha detto:

    O forse arrivò tardi, ma sorridendo … Buona domenica.

  2. Giorgia ha detto:

    Questa sarebbe da incorniciare e appendere in ufficio 😉

  3. laurin42 ha detto:

    Libertà non è star sopra un albero ma fare una scelta. Molto saggia questa!
    Love
    L

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...