La crisi

La crisi l’aveva colpito in pieno, prima la riduzione dell’orario, poi lo avevano declassato come mansione. Anche lo stipendio si era automaticamente ridotto. Aveva dovuto cambiare abitudini e adattarsi ad una nuova vita.
Sentì vibrare nella tasca, era un sms.
L’autobus frenò bruscamente e per prendere il telefono rischiò di perdere l’equilibrio.
Come al solito premette il tasto delete senza leggerlo. Aveva iniziato a farlo da quando lei se ne era andata.
Non scese alla solita fermata di casa. Non si oppose al fatto che le porte si richiudevano. Sentì l’autobus proseguire.
Era in una specie di trance, a momenti gli sembrava di sognare o di vivere in un racconto. Pensò, ma solo per un momento, che forse avrebbe dovuto cercare di concentrarsi per capire meglio cosa gli stava succedendo.
Sentì invece l’urgenza di parlare con qualcuno.
Le porte si aprirono, scese e i suoi amici erano lì, sulla terrazza di fronte al mare, come al solito a parlare di viaggi, di vento e di niente.

Annunci

About poesieinformadidiario

Mi piace: cinema, musica, vino, cibo, leggere, scrivere, dipingere, fare sport, dormire, amare, parlare, respirare, osservare, curiosare, fantasticare, sonnecchiare, discutere, studiare, rotolare nella sabbia, nuotare, vagare, visitare, ridere, …
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, pensieri, poesieinformadidiario e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 Responses to La crisi

  1. semprevento ha detto:

    …capita che …
    è l’unica cosa da fare…
    il peggio forse è quando ad aspettarti non ci sono neppure gli amici…
    solo il mare e il vento possono capire quello stato.
    bacio

  2. navemossa ha detto:

    Mi sono fermata un attimo qui. Mi è piaciuta quella del “tasto delete”. Forse perché vorrei sempre farlo anch’io, ma non ci riesco ancora. Ed è questo lo sbaglio 🙂
    Molto interessante la tua poesiainformadidiario.
    Grazie e in bocca al lupo.

  3. iraida2 ha detto:

    Belle le atmosfere dei tuoi racconti, continuerò a leggerti volentieri.
    Un saluto a te

  4. eglepiediscalzi ha detto:

    A volte resistiamo, a volte ci abbandoniamo, sempre ci muoviamo.
    Ma dove va il mio bus………..??????????????

    egle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...